Lunedì, 26 Gennaio 2015

Granata Vincenzina

Granata Vincenzina

Un caro saluto a tutti voi, sono Enza e vorrei raccontarvi come sono uscita dal tunnel ,cosi almeno spero. Operata di tumore alla tiroide nel 2006 mi accorgo, a tre giorni dalle nozze di mia figlia, di avere un gonfiore sotto l ' occhio ,siamo nel 2007. La biopsia parla chiaro è un maltoma. Esami, TAC, PET, i linfonodi coprivano parte del mio corpo e tutto, cari amici, a mia insaputa. Mi reco tempestinamente in Ematologia dove incontro una persona speciale, credo, non solo per me; si, sto parlando della (come la chiamo io) Stilla, si, la Dott. ssa bionda che tutti voi conoscerete per le sue doti umane e professionali, insomma il nostro angelo. Mi rassicura coni i suoi dolci modi dicendomi che, con qualche ciclo di CHEMIO, tutto sarebbe stato ok. Accetto con rassegnazione e senza batter ciglio permetto che quelle boccettine di diverso colore entrino nel mio corpo e lo devastino fino al culmine, con la caduta dei miei lunghi capelli. La mia forza e voglia di vivere, la mia famiglia, tutto il reparto ematologico e la Stilla contribuiscono affinchè i risultati siano positivi. Ma, cari amici, non è finita. Dopo solo tre mesi gonfiore latero-cervicale. Esami TAC PET i linfonodi erano ancora presenti dentro di me. Disperazione ,angoscia, tristezza paura, si, paura non supererò tutto questo, mi dicevo. Bisogna fare il trapianto di midollo. Sette/ Gennaio/ 2012 autotrapianto effettuato, dopo esami TAC PET e ancora chemio, chemio, chemio e ancora esami e ancora caduta dei miei quasi lunghi capelli dal momento che non avevano avuto ancora il tempo di ricrescere. Qualche mese di isolamento, ancora qualche flebo e poi piano piano la risalita. PET di controllo a Luglio, negativa; controllo fra un paio di mesi... Speriamo sempre bene. MI sento di ringraziare oltre la Stilla tutto il reparto di ematologia; un grazie particolare ai Dott ed a tutto il personale del centro trapinti e del Morelli dove ho trascorso circa un mese in isolamento. La loro compagnia assieme ai volontari AIL ha reso meno duro quel periodo cosi forte ma tanto utile ed importante per me. A, dimenticavo di dirvi che dopo qualche mese dal trapianto ho perso la persona che mi ha accompagnato con grande coraggio e che mi ha sostenuto sempre, mio marito. Pensate un pò come debba essere fortunata io ora ho due ma dico due angeli che mi proteggono uno qui in terra (la Stilla) e uno in cielo (il mio caro consorte). 

Letto 1286 volte Ultima modifica il Lunedì, 26 Gennaio 2015 18:42
Altro in questa categoria: « Bruno Giulia »